18 Dicembre 2012
12:10

Applicazioni e connettività il punto di forza della Ps Vita

Il supporto portatile della PlayStation ha radicalmente innovato il settore, assegnando alla classica console tascabile una serie di funzioni degne di un supporto “fisso”.
A cura di Fanpage Admin

A chi da bambino pensava che portare il videogame con sé con la console monocolore fosse già il massimo del divertimento, la Ps Vita apparirà come l’espressione di una rivoluzione ludica che non si arresta mai, capace di coniugare divertimento, connettività e realismo. E’ quasi un anno che questa console portatile, erede della PSP, circola in Europa, ma le applicazioni di volta in volta commercializzate rendono questo supporto sempre più nuovo.

Vediamo i progressi del settore considerando anche solo un elemento: i controller. In passato avevamo le quattro frecce direzionali e altrettanti tasti. La Ps Vita aggiunge un touch screen frontale, un touch pad sul retro, sensore di rilevamento, doppio stick e, udite udite, doppia telecamera (fronte e retro). Insomma, al realismo dei giochi garantito da una grafica all’avanguardia non si può non accompagnare una capacità di controllo totale, semplificata dalla maneggevolezza dello strumento.

Passiamo ad un altro aspetto che caratterizza la nostra epoca e che non può, dunque, non essere riproposta nel gioco: la connettività. La Ps Vita può connettersi wi-fi o in 3G alla Rete, da cui si possono condividere giochi, risultati, video attraverso Facebook, Twitter, Skype e Foursquare.

A queste applicazioni “social” se ne aggiungono tante altre pensate appositamente per la Ps Vita. Si va dalla sfida ludica con “Near”, app che individua i supporti nei dintorni e li sfida, all’arte virtuale con “t@g”, che grazie alla realtà aumentata permette di creare graffiti personali sui muri (sempre virtuali) della nostra città (reale). E nel mezzo ovviamente troviamo altre applicazioni di comunicazione e giochi di simulazione che prendono il testimone del Tamagoshi, reinventandolo e rendendolo più vario e graficamente molto, molto più appagante.

La comunicazione, però, non è solo interpersonale. La modalità Cross Platform fa interagire supporti diversi grazie ad una serie di applicazioni che permettono, ad esempio, di usare la Ps Vita come controller della PS3, di proseguire sulla console portatile ciò che magari si è cominciato in casa sul fisso oppure di ricevere in regalo la versione per Ps Vita dopo aver acquistato quella per PS3.

Insomma, non è che il tempo del tetris sia finito. Semplicemente con questa console capace non solo di giocare, il mondo Play Station entra nella “Vita” di tutti i giorni.

Vi lasciamo con un simpatico video di cui protagonista è Cannics uno strano personaggio giallo che mostra in modo originale tutte le caratteristiche della nuova console portatile:

Articolo sponsorizzato

PocketStation per PlayStation Vita, l'applicazione è disponibile per il download in Giappone [VIDEO]
PocketStation per PlayStation Vita, l'applicazione è disponibile per il download in Giappone [VIDEO]
Trailer PocketStation per PS Vita
Trailer PocketStation per PS Vita
107 di GamesFanpage
PS Vita, Sony dovrà rimborsare i primi acquirenti della console portatile
PS Vita, Sony dovrà rimborsare i primi acquirenti della console portatile
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni