Nonostante siano ormai passati più di due anni dal suo lancio, Microsoft non ha ad oggi aggiornato i dettagli riguardanti le vendite della sua seconda console da gioco, Xbox One, dopo averli divulgati parzialmente nel 2014. Ora lo ha però fatto, involontariamente o meno, Electronic Arts durante l'annuncio dei suoi risultati finanziari. Il publisher ha rivelato la cifra che compone la totalità di console presenti nel mondo, stimando la presenza di 55 milioni di unità a livello internazionale. Un numero elevato che, come sottolinea anche EA, supera ogni previsione degli esperti e rappresenta un incremento del 50% rispetto alla scorsa generazione.

A gennaio Sony, l'unica azienda a rivelare i dati relativi alle vendite della propria console, ha annunciato di aver venduto più di 35,9 milioni di console, compresi 5,7 milioni solo nel corso delle vacanze natalizie. Se i numeri in mano ad Electronic Arts sono davvero corretti, significa che Xbox One ha venduto circa 19 milioni di unità nel mondo. Una differenza che probabilmente rappresenta anche il motivo di tanta reticenza da parte di Microsoft a rivelare i dettagli delle vendite: PlayStation avrebbe venduto quasi il doppio di Xbox. L'azienda di Redmond non ha più annunciato il numero di console in mano agli utenti dopo aver rivelato di averne vendute 10 milioni nel 2014.

Gli unici dettagli relativi alla propria console sono stati divulgati in maniera approssimativa, spesso citando percentuali e non numeri veri e propri. Più che sulle vendite, Microsoft si è concentrata su servizi e software, specificando, per esempio, di aver incrementato del 30% il numero di utenti attivi ogni mese su Xbox Live, che ora ammontano a 48 milioni. Nel 2016 la console potrà però contare su una serie di esclusive piuttosto attese dai videogiocatori – come Quantum Break, Gears of War 4 e Crackdown 3 – che potrebbero aiutare un'eventuale ripresa delle vendite.