Dopo la decisione da parte di Nintendo di tagliare le previsioni di vendita di Nintendo Wii U e Nintendo 3DS per l’anno fiscale in corso (Aprile 2013 – Marzo 2014), torniamo oggi sull'argomento a seguito della conferenza stampa organizzata dal presidente della compagnia, Satoru Iwata a Osaka dove oltre a ribadire il fatto che non intende dimettersi ha ammesso di non aver saputo intraprendere al meglio l'evoluzione del mercato videoludico, causando di conseguenza una crisi all'interno della società. Iwata ha evidenziato la necessità per Nintendo di lanciare qualcosa che possa stupire gli utenti, cosa che, viste i pessimi risultati di vendita, non è riuscita a fare la Nintendo Wii U. Il presidente della compagnia ha affermato che "se si rimane immobili si diventa presto obsoleti, il gusto e lo stile di vita degli utenti è cambiato e bisogna adattarsi."

Per il presidente di Nintendo Satoru Iwata i problemi principali sono i mercati esteri dove c'è dunque bisogno di una strategia che migliori le vendite in occidente. Inoltre sembra che Nintendo sia pronta ad estendere la propria mission aziendale e sembra iniziare a pensare al mercato mobile: "Stiamo pensando ad una nuova struttura, un'organizzazione che comprenda anche i dispositivi mobile. Data l'espansione che hanno, stiamo ovviamente studiando come poter utilizzare i dispositivi mobile per far crescere la nostra base di utenza."