Come ogni anno, la sfida per sancire quale sia il simulatore di calcio meglio fatto e più amato dagli appassionati si rinnova. Da un lato abbiamo Ea Sports, divisione sportiva di Electronic Arts, con il suo FIFA 14; dall'altro troviamo Konami, con il suo Pro Evolution Soccer 2014 (PES 2014 per gli amici). Tra nuovi motori grafici e console di nuova generazione all'orizzonte, la battaglia per aggiudicarsi la palma di miglior gioco di calcio dell'anno è già cominciata.

Tecnicamente parlando.

Fifa 14 avrà molteplici versioni di se stesso, non certo una uguale per tutte le piattaforme per la quale è previsto. A parte la clamorosa esclusione di Wii U dai suoi radar, aspettiamoci FIFA 14 su Android, iOs, Pc Windows, PlayStation 3, PlayStation Vita, PlayStation Portable, Nintendo 3DS, Xbox 360 e Wii. Va da sé che la versione per attuali console da gioco non sarà uguale alla versione Android o Nintendo 3DS. Non mancherà un'edizione per PlayStation 4 e Xbox One, che risulterà la migliore edizione in commercio, che vanterà le migliorie tecniche portate in auge al nuovo motore grafico Ignite che dovrebbe garantire animazioni, grafica ed intelligenza artificiale superiori. Per PlayStation 3 ed Xbox 360 aspettiamoci una versione riveduta, aggiornata e corretta di FIFA 13, ma nulla di più.

Pro Evolution Soccer 2014, contrariamente a FIFA 14, arriverà soltanto per Pc Windows, Xbox 360 e PlayStation 3, forte di un nuovissimo motore grafico: il Fluidity, derivato dall'impressionante Fox Engine che abbiamo visto in bella mostra con Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. Si parla (come si può constatare da immagini e video recenti) di un gioco profondamente diverso da PES 2013, migliorato praticamente in tutto e – almeno in apparenza – molto più snello e meno macchinoso che in passato. Dettaglio che va del tutto a vantaggio con la verosimiglianza delle azioni riprodotte in gioco, che saranno molto più realistiche che in passato. Nuove animazioni, nuova intelligenza artificiale e nuova gestione della fisica si profilano all'orizzonte. La cosa che più incuriosisce è il fattore “Cuore” (come lo chiamano gli sviluppatori): in pratica ogni giocatore avrà una personale capacità di affrontare le partite, una propria disposizione, una forza d'animo che verrà costantemente messa a dura prova dall'andamento della partita, dal risultato, dal tenore della prestazione del giocatore e dalle reazioni del pubblico. Quest'ultimo promette davvero di essere “il dodicesimo uomo in campo”, come si suole dire.

Cosa aspettarsi gamepad alla mano.

FIFA 14, nelle sue versioni PlayStation 3 e Xbox 360 (probabilmente anche nella sua versione Pc Windows, mutuata dalla Xbox) non offrirà forti scossoni in tempi di sensazioni nuove. Già con FIFA 13 si è raggiunto il massimo delle possibilità tecniche esprimibili su questa generazione di console, e stentiamo a credere che ci siano grandi cambiamenti nel FIFA prossimo venturo. Molto più probabile che la grande rivoluzione sia visibile su PlayStation 4 e Xbox One.
E' stata migliorata la modalità carriera, che oltre a prevedere un saggio “scout” che ci aiuta a trovare giovani talenti in giro per il mondo, dovrebbe essere esente dalle piccole imperfezioni che ne hanno sempre minato la godibilità.

Infine occorre precisare un dettaglio che – forse – molti non hanno colto: la questione Ultimate Team. Il particolare “gioco nel gioco” di FIFA, come ogni anno sarà riproposto e sarà disponibile per tutte le piattaforme che lo supportano (Pc Windows, PlayStation 3, Xbox 360, Xbox One e PlayStation 4). Tuttavia su Xbox One gli utenti potranno godere di non meglio precisati contenuti aggiuntivi. E' smentita, così, la voce che afferma Ultimate Team totalmente esclusivo per Xbox One.

PES 2014 non sarà convertito per Xbox One e PlayStation 4, per vedere un gioco di calcio Konami sulle nuovissime console, in arrivo alla fine di quest'anno, occorrerà attendere PES 2015 dell'anno prossimo. Poco male, perché le attuali console le hanno quasi tutti a casa e per questo motivo gli sviluppatori stanno dedicando anima e corpo nella realizzazione di un gioco autenticamente rivoluzionario. Il nuovo motore grafico promette di impressionare veramente tanto, i miglioramenti annunciati e toccati con mano all'ultimo E3 sono esponenziali. Oltre alle modalità di gioco presenti in PES 2013 e confermate nell'edizione 2014 arriverà la AFC Champions League (Champions League asiatica) e il graditissimo ritorno della modalità campionato, che era stato escluso nella versione 2013.

Una marcia in più.

PES 2014 si sta avvicinando ai nastri di partenza con qualcosina in più rispetto al rivale FIFA 14. Il nuovo motore grafico, le novità annunciate e quelle fatte provare dagli esperti in occasione dell'E3, la nuova fisica e la prospettiva di vedere, sui nostri schermi, qualcosa di molto simile ad una vera partita di calcio fa in modo che si preferisca questo alla produzione di Ea Sports. Dal canto suo, FIFA 14 non deve certo inseguire nessuno, ha già un piede nelle console del futuro e si limita ad onorare il motto “squadra che vince non si cambia”. Milioni di utenti in tutto il mondo sono estremamente soddisfatti del lavoro fatto su FIFA e sapere di andare sul sicuro, con FIFA 14, potrebbe essere un vantaggio non di poco. Quello che deve stupire, alla fine dei conti, è PES e non viceversa.

Mancano poco più di tre mesi alla pubblicazione dei titoli di calcio griffati Konami e Ea Sports. Quest'anno, pare, entrambi i giochi arriveranno nei negozi il 27 settembre 2013. Un uscita contemporanea che potrebbe avvantaggiare FIFA 14 (se l'utenza preferisce andare sul sicuro) oppure PES 2014, premiando così il coraggio di Konami di rivoluzionare (speriamo molto più concretamente) il proprio simulatore di calcio.